Il cinema africano protagonista

3 aprile 2018

Tutti a Milano

Partiti tutti da Lodi, con qualche ritardatario volato sul treno di gran carriera, 17 studenti della scuola di italiano e 3 accompagnatrici, le insegnanti, sono andati venerdì 23 marzo al Festival del Cinema Africano, quest’anno alla 28° edizione. La proposta si è inserita nel programma della Scuola di italiano organizzata dalla Caritas Lodigiana e rivolta agli ospiti delle strutture di accoglienza gestite dalla stessa.

La giornata dei corti

Il festival del cinema Africano ha dedicato le proiezioni della mattina alle scuole che avessero voluto partecipare. Così, a un pubblico composto in gran parte da ragazzini, sono stati offerti 4 cortometraggi di registi africani, 3 dei quali presenti in sala. I temi trattati sono stati vari: in Aya, della tunisina Moufida Fedhila, l’infanzia e il peso che la religione può avere nell’educazione dei genitori; in Bolbol, della tunisina Khedija Lemkecher, lo squallore della vita di una cinquantenne tunisina, prima di scoprire di poter accedere a feste di matrimonio di qualsiasi rango e tenore, occasione che le fa riaccendere il gusto, l’amor proprio e la passione; in Into reverse, dell’egiziana Noha Adel, si vede che quella che può sembrare una semplice incomprensione fra automobilisti facilmente risolvibile, nasconde soprusi, orgoglio e la soddisfazione di una donna egiziana di averla vinta, almeno una volta nella vita! Infine, Mama Bobo, del senegalese Ibrahima Seydi, che racconta di un’anziana vedova conosciuta da tutto il villaggio che ogni giorno aspetta il marito ad una fermata di autobus; struggente e reale ha toccato e commosso.

La presenza dei registi ha permesso di fare domande sull’idea da cui nasceva il corto, sul suo messaggio profondo, sui retroscena o sugli episodi reali che hanno stimolato i registi alla produzione. Il tutto era inframmezzato dall’animatore Raymond che invitava alla partecipazione o all’attenzione in modo divertente. È arrivato ad insegnare alla platea un ballo e un canto in lingua swahili.

Un ringraziamento e all’anno prossimo, Festival del Cinema del Africano.

  • Condividi:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi