Emporio della Solidarietà don Carlo Gnocchi

L’emporio della solidarietà è la trasformazione del Centro di distribuzione viveri della parrocchia di San Colombano in un piccolo supermercato dove le famiglie in difficoltà possono accedere attraverso una tessera a punti che permette di fare acquisti fra i prodotti donati.  Ecco spiegato per punti cosa è l’emporio.

1. CHE COSA È L’EMPORIO DELLA SOLIDARIETA’?

E’ un luogo di distribuzione coordinata e gratuita di generi alimentari di prima necessità.

2. PERCHÉ È NATO L’EMPORIO DELLA SOLIDARIETA’?

Per riunire tutti i centri di distribuzione di generi alimentari della zona in un unico luogo, garantendo così una distribuzione omogenea e uniforme
Per dare maggior spazio all’ascolto e all’accompagnamento alle persone nelle varie zone di riferimento
Per ridare dignità alle persone in difficoltà economica
Per renderle autonome e responsabili nelle loro scelte di acquisto

3. DOVE SI TROVA?

In via Cavallieri di Vittorio Veneto, 5 a San Colombano al Lambro

4. QUALI SONO GLI ORARI DI APERTURA DELL’EMPORIO DELLA SOLIDARIETA’?

L’Emporio è aperto il Venerdì dalle 17.00 alle 19.00 e il sabato dalle ore 9.00 alle ore 12.00.

5. CHI SONO GLI ENTI PROMOTORI DELL’EMPORIO?

I promotori di questo progetto sono: la Caritas Diocesana di Lodi, la Parrocchia di San Colombano al Lambro, il Comune di San Colombano, la Fondazione Cariplo.

6. CHI PARTECIPA AL PROGETTO EMPORIO?

Oltre agli Enti promotori, il comune di Graffignana, il Centro di Raccolta Solidale di Lodi.

7. CHI GESTISCE L’EMPORIO?

L’Ente gestore dell’Emporio è la parrocchia di San Colombano al Lambro

8. CHI PUÒ ACCEDERE ALL’EMPORIO DELLA SOLIDARIETA’?

Le famiglie in difficoltà segnalate dal Centri di Ascolto Parrocchiale in accordo con i Servizi Sociali del Comune di San Colombano e Graffiignana.

9. IN CHE MODO VENGONO SEGNALATE LE FAMIGLIE?

Il Centro di Ascolto parrocchiale individua i beneficiari dell’intervento assegnando ad ogni nucleo familiare un credito di spesa.
Il Centro di Ascolto si trova in Via Steffanini, 272 ed è aperto il Giovedì e il Sabato dalle ore 9.00 alle ore 12.00

Il credito è assegnato dopo confronto all’interno dell’equipe del Centro di Ascolto

10. CHE COSA È L’EQUIPE DEL CENTRO DI ASCOLTO?

E’ un gruppo di persone che si riuniscono a scadenza fissa e che valuta la presa in carico delle persone ascoltate

11. QUALE È IL COMPITO DELL’EQUIPE?

Ha il compito di dare parere positivo o negativo al rilascio della tessera punti
Ha il compito di verificare che un nucleo familiare acceda ad una sola tessera
Ha il compito di verificare che il nucleo familiari non riceva già interventi economici consistenti da parte degli enti pubblici o dal privato sociale.
Ha la possibilità di diminuire o aumentare il credito punti anche in base alla disponibilità di merci in distribuzione

12. IN CHE MODO SI ACQUISTA ALL’EMPORIO?

Per mezzo di una tessera a punti
Non sarà utilizzata moneta contante
Il valore della merce sarà equiparato ad un valore punti (esempio: 1 € = 1 punto)
Il valore della merce è il valore di mercato ma sarà uniforme per ogni varietà dello stesso tipo di prodotto

13. QUALE VALORE PUÒ AVERE LA TESSERA?

Il valore varia da un minimo di 30 punti ad un massimo di 50 punti mensili

14. PER QUANTI MESI PUÒ ESSERE RICHIESTA LA TESSERA?

La validità della tessera dipende dal progetto fatto con ogni nucleo famigliare. In ogni caso al massimo 4 mesi.

15. AL TERMINE DEI 3 MESI SI PUÒ FARE RICHIESTA DI RINNOVO?

Sì, presentandosi ancora al Centro di Ascolto Parrocchiale.
Sarà necessario motivare la necessità del proseguimento dell’aiuto e presentare il nuovo progetto sul nucleo familiare

16. CHE COSA È LA TESSERA?

La tessera è un cartoncino ad uso personale con nome e foto del titolare. Funziona con il sistema del codice a barre.

17. DOVE SI RITIRA LA TESSERA?

Verrà consegnata direttamente all’Emporio presentando l’autorizzazione rilasciata dal Centro di Ascolto che ha fatto richiesta per quella famiglia.

18. COSA SI TROVA ALL’EMPORIO?

Sono garantiti i seguenti generi di prima necessità: pasta, riso, pomodori in scatola, olio di oliva, zucchero, legumi, biscotti, latte , farina, olio di semi.

Non si troverà di tutto come ad un normale supermercato.

19. QUALE SARÀ L’IMPEGNO VERSO L’EMPORIO DEL PRIVATO SOCIALE E DEGLI ENTI CHE PARTECIPANO AL PROGETTO?

Sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza dell’Emporio
Cercare nuovi contatti per il reperimento della merce
Promuovere raccolte di fondi per l’acquisto della merce
Promuovere raccolte alimentari nelle proprie zone per rifornire  l’Emporio
Dare sostegno e fare accompagnamento alle persone che hanno difficoltà a recarsi all’Emporio
Inviare volontari per fare servizio all’interno dell’Emporio

 


Condividi per noi

Condividi per noi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter mensile, per rimanere aggiornato!